Indennità una tantum

Indennità una tantum – Bonus 200 € 

Circolare 4/2022

Richiesta per i lavoratori autonomi del bonus caro benzina 200 euro

Il D.L. n. 50/2022, convertito con modifica in l. n. 91/22, ha previsto il riconoscimento di una indennità una tantum per i lavoratori autonomi e i professionisti nel limite di spesa di 600 milioni di euro per l’anno 2022.

Gli enti di previdenza provvederanno all’erogazione del bonus in base all’ordine di arrivo delle domande e in funzione delle risorse stanziate, da ciò ne deriva che si tratterà di un click day.

Per richiedere il bonus dei 200 euro bisogna rispettare condizioni soggettive e reddituali.

Condizioni soggettive

  • Essere iscritti alle gestioni previdenziali INPS e agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui al D.Lgs. n. 509/1994 e al D.Lgs. n. 103/2022;
  • Non avere ricevuto il bonus presso altre forme di iscrizione (per esempio per chi abbia anche un lavoro dipendente);
  • Essere iscritti alla gestione previdenziale entro il 18 maggio 2022 ed avere fatto almeno un versamento all’ente di riferimento entro quella data

Condizioni reddituali

  • Avere nel 2021 un reddito complessivo (esclusa prima casa) non superiore ad euro 35.000,00
Gli iscritti alle gestioni previdenziali INPS dovranno accedere alla piattaforma INPS con proprio spid e procedere alla domanda e all’invio dell’iban su cui accreditare l’importo, gli iscritti alle Casse previdenziali private dovranno farlo dal proprio portale; chi è iscritto contemporaneamente all’inps e alle casse dovrà procedere a fare domanda sul sito INPS.

Si tratterà di un click day per cui lo Studio non farà la pratica per nessuno per ovvi motivi.

Ad oggi non sono ancora uscite le date dell’assalto alla diligenza, per cui questa informativa è solo per avvisarvi che ci sarà questa cosa prima o poi, parlano del 15 settembre per le casse private.

Nei prossimi giorni invierò dichiarazione anno 2021 con riferimento al rigo da controllare per capire se si è potenzialmente compresi nel bonus.

Coloro non in regola nel versamento dei contributi anno 2020 anche solo parziale sono esclusi, ma a mio avviso per le casse private bisognerebbe sentire direttamente le singole casse di previdenza.